Centuottochila

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Centuottochila

Caro Arazzio sono Cocimo Sucasimmula do Tunniceddu da plaia, stasera sono invitato da me soggira, ca non ci po paci ca iu sugnu siccu e iddi su tutti rossi, compreso me mugghieri ca pisa centuottochila a siccu. Accumincia a 'ddubbarimi di cosi vastasi, pipi mulinciani, baccalà frittu, scacciata cche bastaddi, rocculi affugati etc. etc. Idda mu fa apposta, picchì iu haiu u stomico nicareddu e roppu ca mangiu tutta sta robba mi cacariu comu na palumma e m'appizzu a nott'i Natali.


Risponde Arazzio, caro Cocimo, innanzitutto occhiu a to mugghieri, picchì Diu ni scanza ti pista n peri, tu fa ddivintari di misura 48, riguardo dda vastasa di to soggira, s'a vo futtiri, nvitimi a mmia ca mi cci mangiu macari i peri do tavulinu e accussì ci fazzu passari u viziu d'inzuttari i chistiani. In tutti i casi, a ttia ti cunsigghio prima di iri a mangiari, fatti na bella lavanna accussì t'annetti i vuredda e po stari cchiú tranquillo.
Ciao da Arazzio, auguri a te e a to mugghieri a siccagna...
Letto 670 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 

 

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.